giovedì 13 luglio 2017

AutoRadio Nowhere

Da qualche settimana ascolto col mio lettore alcuni dei vecchi streaming di RN trasmessi tra il 2015 e il 2016.
Erano belli. Mi mancano, mi mancano quelle serate, così come erano pensate e così come venivano. Qualche sigaretta, una birretta fresca, amici sparsi per l'etere, una chat e sempre tanta, ottima musica, spesso proposta proprio da voi.
La libertà più assoluta, un bel momento di aggregazione e uno splendido modo di scoprire e riscoprire un sacco di roba diversa.
Purtroppo, come spesso accade, quasi sempre per pigrizia e pochezza delle persone che ci danno una mano a realizzare qualcosa del genere se non ci sono soldi da intascare, prima o poi il sogno finisce. Ecco, io ci ho provato per un po', ma di rincorrere qualcuno affinchè mi supporti nei miei progetti e me lo faccia pesare come una sorta di favore proprio non ne ho voglia. Ho preferito lasciar stare. Del resto si dice che chi fa da sè fa per tre, ma a far da sè dicono anche si diventi ciechi e comunque non è sempre possibile cavarsela in solitaria, quando non si hanno nè i soldi, nè i mezzi, ma solo una chiara idea di quello che si potrebbe fare pur con poco. L'altrui volontà è la cosa che costa di più al mondo e se quella manca, si rimane a piedi.
Questo per spiegarvi a grandi linee il perchè RN non stia più trasmettendo.
Ora vi spiego perchè RN non vuole arrendersi.
Son piuttosto sicuro che una delle cose che più mi piace fare sia passare della musica, farla sentire a delle altre persone, condividerla e parlarne; davvero una delle gioie della vita. Direi che se leggete questo blog questo concetto non vi sia del tutto estraneo.
Ecco quindi che, riascoltando quegli streaming, mi sono detto "devo fare qualcosa. Non posso lasciare i miei passeggeri senza musica!". è vero che in tutti questi mesi il blog non ha proposto nuovi contenuti e la mia presenza s'è diradata sempre più, ma penso sia fisiologico dopo diversi anni. Un blog richiede un mare di tempo e dedizione; io sono semplicemente stato preso da altre cose. Mettiamola così, ho vissuto un po' di più. Però sono sempre stato aperto (e qui lo ribadisco) a collaborazioni con altre persone. RN non è il mio blog, ma il NOSTRO blog. Se qualcuno avesse delle idee, volesse scrivere, parlare di qualcosa (ovviamente seguendo un po' quella che è l'impostazione di RN, senza ad esempio trasformarlo in un blog di cucina), è liberissimo di farlo. Anche questa non è una novità, se volete prendervi del tempo per dedicare il giusto spazio a qualche vostro interesse che possa essere accolto come contenuto da RN, non esitate a farlo. Mi rendo conto che sia molto più semplice e veloce postare una foto o un link sui social canonici, ma qui sul blog è tutta un'altra cosa! Più spazio, più tempo, una maggiore possibilità di parlare più apertamente e diffusamente di ciò che amate...Es: siete stati ad un concerto e volete condividere l'esperienza con gli altri lettori anzichè limitarvi a riempire la vostra bacheca di FB di foto in attesa di qualche like? Molto bene: fatevi un the, sedetevi comodi sul vostro divano, aprite un foglio di scrittura sul vostro pc e riempitelo delle vostre emozioni. Quando vi sembra che basti me lo inviate e io lo pubblico. Molto semplice.
Se RN vi piace e volete che continui ad esistere, buttateci delle idee, facciamola crescere un po', insieme. Altrimenti sarete costretti a leggere un post ogni sei mesi...
Sto divagando. Vi lascio senza parole (le mie), ma non senza musica. Non l'ho mai fatto: da quando esiste, in un modo o nell'altro, RN ha sempre ospitato widget musicali, prima ancora degli streaming.
Le cose non sono cambiate.
Alla vostra destra una playlist nuova di zecca creata su Spotify. Non vi sto neanche a dire come funziona, perchè chiunque di voi son sicuro lo usi.
Non è la stessa cosa dello streaming, lo so. Non si ascolta insieme, lo so. Non c'è la chat, lo so.
Quel che c'è è lo stesso identico amore e la stessa passione che ci metto nel creare le playlist, la stessa cura nella selezione dei pezzi, la stessa maniacale precisione nel creare le scalette, la stessa speranza che vi piacciano. Inoltre non ci saranno più problemi di fuso orario e la playlist potrà essere ascoltata in qualunque momento da qualunque continente, anche dagli amici lontani!
Cercherò di prepararne più o meno una alla settimana, ma non garantisco la continuità per gli stessi motivi di cui sopra (se ne van via sempre un bel po' di ore nella preparazione di una scaletta che abbia un minimo di senso). Seguite la pagina Facebook di RN per rimanere aggiornati sull'uscita di nuove playlist e usate i commenti della medesima pagina per esprimere giudizi sull'ascolto o su pezzi che avete trovato particolarmente interessanti, così capisco se la cosa vi stia piacendo e salviamo anche quell'aspetto di confronto che la chat rendeva più immediato.
Le scalette a volte saranno a tema, altre no, un po' a seconda di come mi gira.
Quella che trovate ora si ispira molto ad alcuni ascolti che sto facendo in questo periodo (penso che questo sarà più o meno sempre il criterio di base per la scelta dei pezzi).
L'avvicinarsi della parte centrale dell'estate spesso mi spinge a ricercare un sound southern che alcuni autori sanno ricreare meravigliosamente. Il consiglio è quello di godersi la playlist quando siete in macchina durante un viaggio serale (con Spotify e un cellulare lo sapete fare), o magari seduti su una sdraio, in giardino o sul balcone, se avete una bella vista. Spegnete le luci e accendete qualche candela!

Solo un paio di dritte pratiche:
- Potete copiare, condividere e spammare la playlist come e quanto volete (è la apposta!). Per farlo c'è l'apposito tastino sul player.
- Il player da solo la possibilità di sentire un'anteprima dei pezzi; per ascoltarli integralmente dovete avere un account Spotify (vi basta una mail). Il player da la possibilità di iscriversi, scaricare il client di Spotify o aprire il webplayer (click sull'icona verde di Spotify sul player, si apre la pagina del download del client; se non vi serve perchè lo avete già o preferite il webplayer, fate lo scroll fino al fondo della pagina dove trovate il link appunto al webplayer).
- Se usate il client di Spotify (il programmino che scaricate e installate sul pc) vi consiglio di attivare la dissolvenza incrociata dei brani e di impostarla a circa 8 secondi: così sentirete la playlist così come è stata concepita.
Se non avete un account Spotify a pagamento e siete stufi di sorbirvi la pubblicità durante l'ascolto della playlist, apritela col webplayer: perderete la dissolvenza incrociata, ma anche la pubblicità, che verrà bloccata da estensioni come AdBlock o uBlock che avrete installato sul vostro browser.
Per una migliore gestione delle playlist, se siete interessati all'argomento, vi consiglio di usare il client e di riprodurre l'audio sul webplayer attraverso la funzione connetti dispositivo che trovate in basso a destra, sulla barra di Spotify. In questo modo avrete tutta la comodità di una gestione più efficiente dei vostri brani, senza la pubblicità (ma purtroppo anche senza dissolvenza).

Buon ascolto.
RN non vi lascia soli. Non lasciate sola RN.

11 commenti:

  1. "Inoltre non ci saranno più problemi di fuso orario e la playlist potrà essere ascoltata in qualunque momento da qualunque continente, anche dagli amici lontani!"

    ...e chissa' come mai mi sento chiamata in causa! :D
    Bello risentirti

    ps. ascoltare "Atlanta" da "Atlanta", toh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti quella frase ti chiamava in causa insieme ad altri desaparecidos sparsi per il globo. Son contento che possiate sentirvi un po' della musica che propongo in tutta comodità!
      Ascoltare Atlanta penso che sia bello anche se sei in Alaska.
      Bello riaverti a bordo!

      Elimina
  2. Ottima notizia! Però. Sarà l'ora tarda, sarà che non ho mai avuto un account spotify (che ho appena fatto), sarà che inizio a diventare vecchio e rincoglionito ma...

    Ho creato l'account spotify con Fb, ho scaricato e installato tutto dall'iconcina verde, mi si apre un player che è del tutto simile a una pagina web per l'ascolto di musica... fin qui tutto ok. Non riesco a importare la tua playlist... mumble... mumble...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, hai fatto tutto giusto, ma non devi importare niente: la playlist è già li, pubblicata e pubblica. Quando il player del blog ti dice di scaricare o aprire Spotify, clicca su aprire. Ti caricherà il client che hai installato e dovrebbe portarti automaticamente alla pagina della mia playlist.

      Elimina
    2. Ci ho messo un po' ma ce l'ho fatta, sono proprio rinco!

      Elimina
    3. Grande!
      No, non sei tu, è proprio l'integrazione tra Spotify e il blog che è un po' macchinosa.
      Comunque doveste avere dei problemi d'accesso, la cosa più semplice da fare è quella di cliccare sul simbolino della condivisione sul widget, quello sopra l'icona verde di Spotify, copiare l'URL della playlist e incollarlo nella barra degli indirizzi. Questo vi porta sicuramente direttamente alla playlist senza ulteriori giri. Ovviamente per ascoltarla dovrete fare il login!
      Se state leggendo questa pagina da un cellulare, per vedere il player dovete fare lo scroll della pagina fino in fondo e attivare la visualizzazione (o modalità) desktop. Una volta che vedrete la pagina come da pc, visualizzerete tutti i suoi elementi, compreso il widget di Spotify.
      Il consiglio è quello che una volta che abbiate rintracciato la playlist la salviate tra i preferiti o clicchiate su "segui" o qualsiasi altra opzione vi dia la possibilità di averla sempre sotto mano sul vostro dispositivo Spotify, senza doverla cercare nuovamente. A quel punto non dovrete far altro che fare occhio alle notifiche sulla pagina FB di RN per sapere quando saranno disponibili nuove playlist (le vecchie verranno cancellate, ma l'indirizzo d'accesso sara sempre quello, quindi quando l'aprirete vi troverete i nuovi pezzi caricati). Dovrei aver detto tutto.

      Elimina
  3. Hey Vik, welcome back!! Ecco un altro desaparecido reaparecido, che ti ascolta dall'emisfero Sud. Anch'io come Firma ero senza Spotify, ho provveduto adesso e...si riparte!

    RispondiElimina
  4. La sto ascoltando ora, funziona tutto, compresa la dissolvenza di 8 sec.

    Sticazzi, ce la posso ancora fare... :)

    RispondiElimina
  5. Si inizia con due perdite che fanno ancora molto male...

    RispondiElimina
  6. Prova ad ascoltare l'ultimo di Duke Garwood, mi sembra in sintonia con alcune cose che hai proposto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si chiama? A me lui piace molto. Dea

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...