venerdì 23 settembre 2016

Orange Crush

Orange Crush è il primo singolo estratto dall'album Green dei R.E.M. (1988), nonchè la loro canzone di maggior successo, sino alla pubblicazione della celeberrima Losing My Religion.
Ma cos'è un Orange Crush e di cosa parla il testo di questo pezzo?
I molteplici significati delle frasi cantate e il fatto che lo stesso Stipe abbia più volte detto che anche lui non abbia idea di quale sia il reale senso del brano non ci sono molto di aiuto.
In effetti diverse cose si chiamano Orange Crush, come un'aranciata simile alla Fanta, una linea di amplificatori della Orange, o una particolare varietà di marijuana.
C'è anche chi sostiene che nel testo si faccia riferimento all'eroina o all'acido lisergico. Questa tesi è spesso sostenuta da chi interpreta la parola spine del ritornello, rispettivamente come ago, o come uno slang che sembra fosse in uso tra i soldati americani di stanza nel Vietnam, quando si riferivano ad un cocktail di anfetamine e allucinogeni da assumere prima di entrare in combattimento per far fronte allo spaventoso inferno nel quale si trovavano. Che spine abbia a che fare con il coraggio è suggerito anche dall'estensione del suo significato originale: spina dorsale; può infatti indicare il midollo, nel senso di carattere, tempra.
Il sarcasmo del testo diventa evidente al verso We are agents of the free.
Non è difficile infatti mettere in relazione agents con l'orange del titolo: l'Agent Orange (Agente Arancio) è infatti il nome in codice che l'esercito americano dava al defoliante utilizzato in Vietnam dal '61 al '71 per sfoltire la jungla e stanare i nemici più facilmente.
L'utilizzo massivo di questo prodotto chimico creò più danni del Napalm, tanto nella popolazione civile vietnamita che tra i militari U.S.A. Fu infatti causa di tumori, malformazioni, degenerazioni genetiche e disturbi della crescita nei bambini.
Il brano è per lo più letto in quest'ottica anti-militarista e spesso viene usato come inno di pace, contro ogni conflitto bellico. All'interno di quest'ottica direi che convivono bene le varie accezioni che si danno alle singole parole e alle frasi cantate, spesso comunque riconducibili al campo semantico dei prodotti chimici e a quello del militarismo.
Inoltre, ritengo che una frase come now it's time to serve your conscience overseas (over me, not over me) Coming in fast, over me tolga ogni dubbio.
Si aggiunga che il padre di Stipe combatté in Vietnam tra gli elicotteristi...
Musicalmente il brano è apprezzato soprattutto per il giro di basso di Mike Mills.
Io sono dell'idea che Fortune Faded dei Red Hot Chili Peppers sia parecchio in debito con questo pezzo! Voi che ne dite?
Gli Editors ne hanno registrato una cover come b-side del loro singolo Blood e l'hanno spesso riproposta dal vivo.
Notoriamente io non sono un grandissimo fan del gruppo di Athens, ma ci sono diversi brani del loro vecchio catalogo che mi piacciono molto e per i quali nutro un forte rispetto. Ho sempre pensato che in qualche modo MTV e la scelta di singoli stucchevoli, noiosi e ripetitivi abbia sì portato nuovi accoliti alla band, ma anche alienato un pubblico più interessato al loro lato alternative e meno a quello smaccatamente pop.
Un vizio di valutazione mio, o semplicemente non mi sento del tutto a mio agio con la loro produzione?
In ogni caso, Orange Crush rimane un gran bel pezzo!

2 commenti:

  1. Approfondimento interessante Vik, me lo sono letto appena ho visto il post su FB. Non ero mai andato a scoprire il significato di questo pezzo, che pure mi piace parecchio come i REM stessi. Forse perché non sono mai stati la mia band preferita pur avendoli sempre apprezzati (e credo di non essere l'unico che li vede così). Anch'io non mi sento a mio agio con tutta la produzione, peraltro amplissima; gli album che riascolto più spesso sono Monster, New Adventures in Hi-Fi (sottovalutati) e naturalmente Automatic for the People.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli album che hai citato sono anche i miei preferiti, quello secondo me è stato il loro periodo d'oro, anche se i puristi forse storcono un po' il naso quando si tratta di Monster, ma noi ce ne freghiamo! Poi, ovviamente, ci sono un bel po' di pezzi vecchi vecchi, dei primi dischi, che sono imprescindibili.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...