giovedì 2 aprile 2015

Ich bin die Sehnsucht in dir

Erano gli anni '90, guardavo MTV e sono incappato in una sorta di rivolta in diretta.
Stavano trasmettendo dalla Germania, era un festival, o qualcosa del genere, organizzato dall'allora ancora più che dignitosa rete musicale. Si era sparsa la voce tra il pubblico che avrebbero suonato i Toten Hosen, un gruppo punk rock, una delle formazioni più famose di sempre sul territorio teutonico.
La voce era risultata infondata, la band non era stata invitata; presto i ragazzi del pubblico cominciarono ad agitarsi, inveire contro MTV e a prendersela con lo sventurato presentatore che conduceva la diretta da una piattaforma poco sopra la gente, se ben ricordo. Quello che ricordo con certezza sono gli oggetti che lo raggiunsero e lo colpirono ripetutamente. Il VeeJay preso alla sprovvista reagì male: incominciò a prendere a male parole i ragazzi sottostanti, dandogli sostanzialmente dei "buchi di culo" e inveendo contro di loro come solo un inglese sa fare, conscio del fatto che la rete televisiva non gli avrebbe fatto di certo passar liscia la cosa.
In effetti il poveretto, che allora era uno dei principali presentatori di MTV, venne licenziato in tronco e i fan degli Hosen ebbero la loro vendetta. Mai fare incazzare centinaia di punk tedeschi fedeli ai propri beniamini!
Così scoprii l'esistenza dei Toten Hosen.
2005, dieci anni fa, all'università conosco tramite una mia amica una ragazza tedesca. Quell'estate ci frequenteremo parecchio, uscendo in gruppo, cenando insieme, andando a dei concerti e ascoltando musica. Ho dei bei ricordi legati a quei giorni. Ricordo ad esempio che una delle prime volte che ci siamo visti mi ha portato un cd che stava ascoltando in quel periodo: il titolo era Zurück zum Glück, la band i Toten Hosen.
Sorridendo ho detto "hey, questi li conosco!" "ma va?" fa lei. "Sì, ma per la verità non li ho mai seguiti. Però sai, c'è una storia che ricordo che li riguarda..." "Beh, a me piacciono molto, dai un ascolto a questo cd".
Mi innamorai subito di Zurück zum Glück e divenne la colonna sonora di quell'estate e delle nostre serate, insieme a certe cose dei Marlene Kuntz, che mi sembrava giusto fare conoscere alla mia amica tedesca: uno scambio equo. Solo che io e lei siamo stati insieme a vedere un concerto dei Marlene, ma io non ho ancora visto gli Hosen dal vivo... Tuttavia poco dopo il suo rientro in Germania a casa mia venne recapitato un pacco che mi aveva spedito con dentro un loro live, Im Auftrag des Herrn (magnifico!): uno scambio equo.
In questi anni ho imparato ad apprezzare molte delle cose che gli Hosen han fatto e riascolto sempre con grande piacere quei due dischi con un misto di gioia e nostalgia.
2015; sono passati dieci anni da quell'estate e uno dei pezzi di Zurück zum Glück è ancora uno dei miei preferiti dei "Pantaloni Morti". Porta ancora con sè tutta la magia di quell'estate e la nostalgia del suo testo è più attuale che mai.

Ci conosciamo da una vita
Già da bambino ti ho abbracciato
Con te ho contato gli anni
Con i tuoi sogni ho giocato
Ti ho cercato le tue strade
Sono la tua gioia e sono la tua maledizione
Per poco non ti ho tolto la ragione
Tuttavia tu mi hai creduto
Son lo struggimento in te
Son lo struggimento in te
Son lo struggimento

Sempre quando stavo da te 
Hai fatto tutto solo per me 
Ti ho condotto sulla strada sbagliata
Le mie promesse così spesso eran vane
A causa mia hai pianto di rabbia
A causa mia sei la nemica di te stessa
È colpa mia, non ne puoi niente
Io sono la speranza e tu muori con me
Son lo struggimento in te
Son lo struggimento in te
Son lo struggimento

Son lo struggimento e tu muori con me
Ho fatto girar il mondo intorno a te
Ti rubo il tempo, son il tuo perdigiorno
Son stato abbastanza spesso il tuo alibi
Qualunque cosa succeda, non ti abbandono mai



(la traduzione è mia. Non c'è nella nostra lingua  e per quanto ne so neanche nelle altre, un termine per tradurre univocamente il vocabolo Sehnsucht, che generalmente in ambito letterario, filosofico e psicologico resta per questa ragione in tedesco. Oltre alla nostalgia, la Sehnsucht indica una profonda sensazione di mancanza di qualcosa/qualcuno che si brama, ma che si sa non si può avere. Lo struggimento per questa mancanza, che può sconfinare nel patologico, è al centro della trattativa letteraria romantica tedesca.)

1 commento:

  1. http://www.mediafire.com/download/1o8k2kxznnjq8v7/Bongley_Dead_-_4_(2015).rar

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...