lunedì 22 settembre 2014

Il rock quando si è "grandi"

 Libere considerazioni pensate per essere una mail tra amici, nate dopo la lettura di una critica all'ultimo lavoro degli U2.

La realtà, per alcuni versi bella, per altri meno, è che il rock, inteso alla maniera degli U2 e ci metto dentro anche certo Springsteen, è davvero legato ad un periodo specifico della vita che prima o poi, non dico termina, ma cambia inevitabilmente. Non è che cambino necessariamente i contenuti del rock, quanto l’approccio ad esso e l’urgenza e le motivazioni compositive che si hanno superati i 30, questi difficilmente reggono il confronto con ciò che si è fatto prima. è un fatto più fisiologico che artistico e, ripeto, è maggiormente evidente in generi come il rock da stadio o quello che cerca a tutti i costi di piazzare il pezzo in classifica per “spaccare le radio”. Certe cose, le più sincere, restano immutate e son sempre valide, specie se l’artista rimane fedele allo spirito originale con il quale le aveva fatte (es. per capirci: Born To Run o Badlands suonano ancora bene oggi ad un concerto così come accadeva negli anni ‘70), altre, riproposte a 20/30 anni di distanza, o suonano ridicole o semplicemente stancano perché diventano dei contenitori vuoti e logori riproposti solo per l’etichetta che han sopra.
Ancora peggio quando non sono le canzoni il problema, ma l’artista stesso, che non si rassegna al tempo che passa. Allora diventi una caricatura, come Vasco o i Metallica…Se gli U2 rinunciano alla loro maturità anagrafica infarcendo i dischi di pasticci che ammiccano al pubblico giovane, finiscono per infangare la loro maturità artistica, raggiunta ormai da parecchi anni. Lo stesso vale per Bruce, quando si mette a fare sto poppino facile degli ultimi dischi che non solo non dice niente, ma ti fa vergognare che sul disco ci sia il suo nome, (poi la critica ci trova tutto lo spessore che vuoi, solo perché di Springsteen non si può parlar male). Ed è anche molto interessante ciò che dice il tipo della recensione: dove si finisce di essere autentici e si inizia a far finta di esserlo? Ora, superati i 30, o giù di lì, quindi quando tendenzialmente esaurisci la carica dirompente da rocker inquieto (perché devi essere inquieto per far rock, altrimenti stai facendo finta ed è meglio passare ad altro genere), smetti di essere autentico e inizi a fingere d’esserlo; se non dai spessore a ciò che dici e non la smetti di preoccuparti della tua immagine da MTV finirai per convincere solo i tuoi fan talebani, che magari saranno la maggioranza e a te va bene così, ma è legittimo che gli altri ti vedano come una triste raffigurazione di ciò che non sei più e che umanamente non potrai più essere e finirai per somigliare ad Axl Rose che è passato da essere il più figo di tutti ad un rincoglionito imbolsito che sta a stento sul palco a gracchiare Welcome to the Jungle tra la folla in delirio non per ciò che sta vedendo, ma per il riflesso sbiadito e trasfigurato di ciò che dovrebbe rappresentare. Una cosa più triste di un film di Fellini.
Il rock è giovane e arrabbiato, è una musica che esprime in maniera ribelle una condizione di disagio. Questo musicalmente, poi lo spirito rock puoi averlo anche a 80 anni, per quel che mi riguarda, ma se a 80 anni sali sul palco e ti atteggi da 18enne disadattato e irrequieto, generalmente fai una pessima figura, perché il “popolo rock” non si identifica più in te, magari ti celebra per quello che sei stato, ma perdi di credibilità, anche se ti chiami Jerry Lee Lewis.

Una precisazione: considerate che quanto sopra nasce davvero come una mail personale, quindi non è troppo "politicamente corretta", anche se gli artisti citati hanno attualmente magari non la mia più completa ammirazione, ma incontrano ancora i miei gusti (se non altro per ciò che han fatto in passato...). Questo perchè nessuno si offenda. Ma poi chissenefrega! Era solo per sapere un po' come la pensate anche voi. Per onor di cronaca, il disco degli U2 non l'ho sentito e non mi interessa farlo. Ciò che ho scritto nasce dalla lettura di una recensione negativa del disco, che è stata ferocemente attacata dal popolo dei fan più accalorati. Io non avevo intenzione di giudicare il disco, quanto un certo comportamento poco coerente e tristemente diffuso tra i dinosauri del Rock.

32 commenti:

  1. Hai detto bene Vick il rock è inquieto, ma inquieto come tu dici, lo puoi essere anche da anziano .Gli U2 sono delle mezze seghe, che ho ascoltato in passato, e sono così pentito di averlo fatto, di aver sprecato il mio tempo dietro a loro che non puoi neanche immaginare. Una band sopravvalutata in tutto e per tutto. E poi Bono è davvero ridicolo, sembra Ronzies ed ho detto tutto. un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Sottoscrivo tutto, precisando che gli U2 hanno smesso di fare dischi degni di questo nome da almeno 25 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli U2 che piacciono a me si fermano a War. Tuttavia qua e là han fatto delle cose molto interessanti anche in anni successivi, ma ascoltare un loro disco per intero mi vien difficile (a parte Pop, che mi piace davvero un macello, ma siamo in 3 o 4 al mondo a pensarla così).

      Elimina
  3. Il rock è inquieto, goovane, a volte arrabbiato, mercuriale, mutevole...ma ahimè, se facciamo un esame di realtà, è spesso intrappolato in una macchina commerciale organizzata a puro scopo di lucro. A questo aggiungo che tanti artisti che nagari hanno scrityo csnzoni per vent'anni, continuano a farlo per inerzia, abitudine, e perché, forse, si sentono in dovere di farlo. Un gruppo come gli U2 (ho svritto questa stessa cosa anch'io per mail, ieri l'altro a Massi, di Detriti di Passaggio), un gruppo come gli U2 è in grado di smuovere un pil da piccolo stato. Ogni concerto mette a lavorare direttamente un centinaio di persone, più le coperture mediatiche, le radio, ma anche quello che vende i panini davanti ai cancello dello stadio.
    Tutti tengono famiglia.
    Poi, ceryo, l'arte, il sogno e la ribelliobe si sono fatti da tempo da parte, non solo per gli U2 ma per tantissimi che vivono di capitaluzzazione del passato, ma almeno danno da lavorare a tanti. Ci basta?
    Boh...
    Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ci basta, o meglio, non basta a me. Perchè se devo andare in un negozio a spendere i miei pochi soldi per acquistare un loro disco, non sto a pensare che potrei accontentarmi di un prodotto di poco superiore ad un lavoro delle Spice Girls perchè loro sono dei filantropi e grazie a ciò che fanno il porcaro sotto lo stadio può vendere le birre ad un loro concerto. E quando li vedo fare manovre come quella della partnership con l'azienda di Cupertino non si tirano dietro la mia simpatia, ma mi fan pensare che è un gruppo che non ha più nulla da dire e non ha più neanche voglia di rischiare, preferendo vendere i loro dischi ad un'azienda intermediaria che li ricopre di soldi e li libera dal pensiero che quei dischi possano non vendere come da loro sperato. Sì, sì, date pure il disco "gratis", che ce ne frega? Tanto i vostri soldi ce li abbiamo già in tasca! Che bella persona che è Bono, davvero un filantropo col jet personale. Mi ricorda tanto uno di quegli imprenditori venerati come salvatori delle famiglie perchè creano dei posti di lavoro. è così che dovrebbe essere un musicista? Non riesco a scusare un musicista che fa uscire un pessimo disco solo per accontentare il suo ego, conscio del fatto che tanto è ad un livello troppo alto per accusare il contraccolpo di certa critica negativa, che comunque generalmente non gli piomba addosso con gran impeto. Questa è gente che non schioda mai, anche se non han più cartucce da sparare; la loro unica preoccupazione è quella di rimanere sulla cresta dell'onda. Non trovate delle analogie con certi personaggi che con la musica non hanno niente a che fare?

      Elimina
    2. Credo che il comune denominatore sia la 'posizione acquisita', tanto in musica (o nel cinema, in tv...) che in politica. Perché di questo parliamo, no?
      L'operazione con la Apple (che io nemmeno giudico, artisticamente, perché si tratta di partnership tra aziende, mica di rock), mi apre scenari ambigui. Tanti provider, con l'abbonamento, ti finanziano l'acquisto del telefono e magari ti regalano spotify o deezer...io già mi vedo la Tim che con l'ultima formula di abbonamento ti regala in esclusiva un singolo inedito della Pausini (magari ascoltabile solo da telefono marcato tim...). Aberrante...ma assolutamente oraticabile e in linea coi tempi.

      Elimina
  4. Io il disco degli U2 lo sto ascoltando a rotazione in questi giorni di vacanze sarde e non lo trovo una ciofeca, anzi, mi convince senz'altro di più degli episodi 2000 e 2004 x restare agli U2 del nuovo millennio.
    Ora non prendetevela voi, ma se gli U2 sono delle mezze seghe (capisco che Bono possa stare sul cazzo x mille ragioni diverse), un tarro che è durato un disco e mezzo come la biondina dei Guns come possiamo definirlo? Non era il più figo di tutti neanche quando erano al top, e x chi come il sottoscritto ascoltava altra roba in quegli anni (cose che sbrigativamente andavano sotto il genere alternative) Asshole Rose era solo un buzzurro che aveva azzeccato un paio di singoli da stadio... . Ho ragione io? Avete ragione voi? Boh! Smerdare gli U2 x partito preso è facile, lo faccio anch'io con artisti dei quali non mi batte un cazzo. Xò smerdarli vantandosi di non volere sentire il disco... xchè tanto deve essere x forza una merda mi sembra un atteggiamento un pò ottuso. Quel Bruce, quegli U2, quel Mick Jagger non potranno tornare mai più. È normale, anche tu non ciuli più come a vent'anni o non giochi più a calcio come a 18. Signori, non staremo facendo aria fritta? Ognuno si tenga i propri guilty pleasures e non scassi la minchia agli altri (x stare lontani dal politicamente corretto)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ribadisco che le mie considerazioni non erano un attacco diretto agli U2, ma alle conseguenze della mancata accettazione del tempo (e dell'ispirazione) che passa per tutti; infatti ho messo dentro alcuni nomi che sono e saranno sempre imprescindiblii nel mio percorso musicale e la lista sarebbe potuta essere molto più lunga...Ecco perchè tenevo a sottolineare che io il disco non l'ho ascoltato, perchè non è di quello che stavo parlando. E non mi vanto della mia scelta di non volerlo ascoltare, perchè dovrei? Non lo ascolto semplicemente perchè non ne sono interessato. Lo sai che non fa per me sparare a zero su cose che non conosco. Piuttosto semplicemente le evito perchè so che difficilmente incontrerebbero i miei gusti.
      Per quel che riguarda il fatto che gli artisti non possano essere sempre uguali a loro stessi e con la stessa ispirazione mi trovi perfettamente d'accordo, è il concetto sulla base del quale nascono le mie considerazioni. Con la sola differenza che io non vengo pagato per le mie prestazioni sessuali che se indubbiamente son più scarse di quando avevo 20 anni non creano un danno economico a nessuno. Diverso è il discorso di band che da 10-15-20 anni infilano un disco peggio dell'altro. Quei dischi la gente li paga, anche se poi ci sono le furbate di farli passare per gratis in download da una piattaforma che ti fa pagare anche l'aria che respiri a casa tua quando ti ci connetti. Ecco, questo è molto vicino al mio concetto di prostituzione.

      Elimina
  5. Trovo l'intervento di Evil Monkeys quello più ponderato e realistico e mi complimento di cuore.
    Invece il giochino di dare delle mezzeseghe e dei bolliti da 25 anni a questo o a quest'altro (talvolta anche a ragiobe, x carità) è vecchio e abusato. Se dovete buttare merda su qualcuno, siate almeno più originali. A me gli U2 quando han fatto cose che mi facevano cagare mi sono sbizzarrito molto di più a sputtanarli. Fate sto piccolo sforzo, sù!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, anche tu non è che vinci il premio del più originale quando si tratta di buttare merda su artisti che non ti piacciono solo per difenderti da un attacco a quelli che adori, quasi fosse un fatto personale. Tra l'altro io tutte ste critiche aspre nei confronti dei tuoi beniamini non te le ho mai sentite fare, in anni che ci conosciamo (e ci scanniamo sulla musica). Anzi, sei stato proprio tu che più volte hai sostenuto davanti al mio essere amareggiato di fronte all'enesimo passo falso del Boss che per uno come lui tu eri acritico e che non riuscivi ad essere toalmente in disaccordo con le sue scelte, semplicemente perchè è uno dei tuoi idoli... Secondo me una bella critica quando ci sta è sempre benaccetta, un po' meno gli insulti gratuiti non argomentati.

      Elimina
  6. E visto che stanotte proprio non mi riesce di dormire, se la recensione alla quale ti riferisci è quella di Urbinati su http://www.u2place.com, se leggete bene non è x niente negativa sul disco, come invece tu hai scritto. Anzi dice che gli U2 con questo disco sono sulla buona strada x poter chiudere in modo decente, con qualche altro album su questa linea, una carriera che ha avuto molti fasti. Se i cosiddetti talebani (ma a quanto pare non solo loro) non l'hanno capita, non è un problema nè di Urbinati nè di Bono e soci... .

    RispondiElimina
  7. Infine Bro, non prendertela x Axl, probabilmente leggere nello spazio di poche righe che lui era il più figo di tutti e che gli U2 sono delle mezzesghe, anche se erano affermazioni di persone diverse, mi ha fatto venire un travaso di bile e ancora una volta ne hai fatto tu le spese. Potere delle passioni musicali (e non) che fanno allentare i freni inibitori ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdono le bestialità che hai osato proferire nei riguardi di Mr. Oral Sex adducendole all'abuso di Ichnusa e mirto. :)

      Elimina
  8. Grandi gli U2,danno lavoro e riempiono gli stadi.
    Evil, è vero che tutti tengono famiglia, ma questo non fa altro che peggiorare le cose. ciao

    RispondiElimina
  9. Ammazza! E io che credevo di venir linciato per aver toccato un tasto dolente...in realtà ho fatto uscire un po' di acido dai vostri pori. Disillusioni, rancori e un pizzico di cinismo...si vede che siamo tutti dei sognatori navigati che han preso le loro belle tranvate al contatto con la realtà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli U2 sono una band sopra stimata. il tempo li ha distrutti. la voce di bono è inascoltabile. mi sento di parlare cosi' perchè possiedo tutti i loro dischi in vinile. se l'adri me li paga profumatamente sono disposto a venderli. ai suoi insulti non rispondo perchè essere originali con gli U2, non è che viene facile bisogna studiare, fare uno sforzo bestiale, e non ne vale la pena . forse a pensarci bene seghe mezze.... ci sta piu' appropriato.è il massimo che posso fare...sto scherzando non me la prendo per niente queste diatribe lasciano sempre il tempo che trovano.
      hai detto tutto Vik io concordo ogni tua parola. anche perchè fai autoammenda con il boss. ci vogliono le palle per certe cose.un abbraccio

      Elimina
  10. Sto ridendo come un pazzo dopo aver notato a che ora ha postato i commenti L'Adri! E pensare che la colpa è tutta mia e se non avessi segnalato a Vik l'articolo in questione tutto questo putiferio sul blog non ci sarebbe stato. Vabbè a questo punto, da vecchio fan della band, dico anche io la mia (nonostante i miei ascolti siano da secoli orientati verso cose lontane dal mondo dei dublinesi e del rock in generale tendo cmq sempre a dare una possibilità a quella che è stata la mia band preferita dell'adolescenza).
    Intanto posso affermare che concordo con Adri riguardo l'interpretazione della recensione di Urbinati che non è affatto negativa ed è stata mal interpretata da un sacco di persone, soprattutto dai fan irriducibili degli U2 che hanno i paraocchi e non sono in grado di giudicare realmente i lavori di Bono&Co. in quanto totalmente accecati dalla "fede".
    Detto questo posso dire che, a mio modesto parere, è dall'inizio del nuovo millennio che purtroppo gli U2 propongono sempre lo stesso mediocre disco, non particolarmente brutto, ma neppure troppo bello, sempre privo della minima originalità, forse per paura di mettersi contro lo zoccolo duro dei fan, o forse pensando anche al fatto che non hanno più l'età per farlo, prendendosi dei rischi e provando a rimettersi in discussione (come coraggiosamente avevano fatto in passato con cose come Achtung Baby!, Zooropa e Pop...).
    Però, come la recensione fa notare, questa volta qualche segnale interessante c'è e si sente. Mentre la prima parte del disco scorre a mio avviso parecchio noiosa, lasciando l'idea di trovarsi di fronte al solito piatto lavoro post 2000 degli irlandesi, da Volcano in poi l'album cambia e diventa decisamente più credibile, con il basso di Adam finalmente in evidenza e qualche suono elettronico azzeccato qua e là (l'influenza di Danger Mouse tra i producer si sente) che porta la qualità delle tracks in costante aumento fino ad arrivare al bel brano con Lykke Li, una delle artiste più interessanti del globo.
    Insomma sicuramente non un lavoro innovativo per il mondo della musica, ma un minimo di ricerca in più nel suono e soprattutto (finalmente!) l'idea di non inserire nella tracklist il classico pezzone da urlare allo stadio stile Vertigo.
    Attendo a questo punto il "lato B" del lavoro, Songs of Experience (che uscirà a breve), con un pelo di curiosità in più...

    RispondiElimina
  11. Ma no, x Bruce non mi riesce essere critico solo dal vivo perchè a me sembra sempre quello di quasi 30 anni fà quando lo vidi la prima volta on stage.
    Ma Magic e Working on a Dream li considero tutt'altro che capolavori(x usare un eufemismo), mentre ho trovato buono Wrecking Ball e tutto sommato anche l'ultimo ha un pò di cosette buone.
    X dirti quanto sono critico sui miei beniamini, gli U2 quando uscirono con Achtung Baby, ammiccando al pop e all'elettronica, mi sconvolsero, entrai quasi in depressione e x un attimo li odiai. Mi sembrava si fossero svenduti, pensa te cosa posso aver pensato di All that you can't leave behind o How to dismantle an atomic bomb. Ora quel disco, da me compreso, viene citato quasi sempre tra i più importanti del secolo scorso.
    Gli U2 hanno fatto delle cagate pazzesche, penso a tamarrate come Elevation e pure un pò ai tormentoni Beautiful Day e Vertigo(altra zamarrata epocale), ma x segarli senza aver ascoltato il disco vuol dire che x chi lo fa non hanno mai contato un c...o e ci può stare. Anch'io non sto ad ascoltare nemmeno x sbaglio Muse e Coldplay, xchè nonostante gli ottimi esordi non hanno mai significato quello che Bono e soci sono stati x me e quindi non gli dò una chance.
    Tutta questione di gusti... .
    Però dire che gli U2 sono delle mezzeseghe, come ha fatto qui Bart, mi verrebbe da dire... affermazione dall'alto di che...?
    Non prendetevela, ma visto che alcuni di voi hanno incensato un disco imbarazzante come quello dei Rival Sons, vi dico che la nota meno riuscita di un Unforgettable Fire vale tutta la discografia di quegli hippies/hipster di 'sta fava... .
    Forse questo acido è ancora dettato da abuso di Ichnusa cruda microfiltrata e mirto+filoferru (passando per cannonau, monica e carignano del sulcis) xò quando ce vò ce vò!
    Axl era un pò razzista e iarruso, ma in fin dei conti non ha mai fatto (troppo) male a nessuno, quindi, Bro, Peace and Love!!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "ma visto che alcuni di voi hanno incensato un disco imbarazzante come quello dei Rival Sons, vi dico che la nota meno riuscita di un Unforgettable Fire vale tutta la discografia di quegli hippies/hipster di 'sta fava..." Affermazione dall'alto di che...? :)
      Axl razzista e tarro = la sua musica valeva poco e ha azzeccato solo un paio di pezzi da stadio?... Bro, ancora una volta sei completamente fuori segno da una critica sensata. Che hai gusti tutti tuoi l'abbiamo capito e lo rispettiamo, ma che ne diresti di fare altrettanto o almeno attenerti ai fatti? Axl razzista che aveva come chitarrista e migliore amico un certo Slash? Che si portava in tour Lenny Kavitz e coriste di colore? E il suo gruppo preferito erano i Public Enemies? Perchè allora non aggiungere anche omofobo, dato che venerava Freddy Mercury e andava a braccetto con Elton John? Tarro? Viva la sobrietà irlandese di Bono! E comunque anche se tutto questo fosse vero in che misura influirebbe sulla qualità musicale? Mistero. Sul fatto che avesse solo azzeccato un paio di pezzi da stadio...beh, forse non hai mai ascoltato troppo bene Appetite for Destruction. E che ne dici di pezzi come Estranged? Roba da stadio facile da comporre? Tanto quanto i 3/4 dei veramente imbarazzanti pezzi dei tuoi amati irlandesotti?. Potrei dire che una singola scorreggia registrata durante le session di Appetite da Rose e soci vale molto di più dell'ammasso di paccottiglia registrata negli ultimi 15 anni dal filantropo col jet, che sicuramente non è razzista e ha molto gusto nel vestire. Del resto è un santo...

      Elimina
  12. Urz, sei il mio vate!!! ;-) Peccato per la fede calcistica xchè altrimenti ti eleggerei a mio "Personal Jesus" ;-) ;-) ;-)

    RispondiElimina
  13. Va bene, va bene, lasciamo stare, io mi tengo gran parte degli U2 e voi i Rival Sons e quel baronetto novello Mozart di AXL (cos'è il codice fiscale?). E tutti contenti, sù! Ste discussioni portano come unico risultato un bel numero di post, peccato che nella democratica discussione se io dico che AXL o altri non hanno fatto un unghia degli U2 vengo tacciato di delirio, se x voi gli U2 sono delle seghe e valgono solo fino a War siete dei geniacci. Ragazzi, buon divertimento nel paese dei balocchi che vi siete costruiti... .
    Parlare nel 2014 di rock e ribellione? Ma dove vivete? Nel rock è già tanto quando si trova un barlume di arte. La ribellione, se c'è mai veramente stata (anche Joe Strumner voleva venderli i dischi, mica se li ascoltava nel salotto di casa) è finita decenni fà. Avete un'idea un pò troppo romantica o forse ingenua di ciò che dovrebbe essere il rock oggi... .

    RispondiElimina
  14. meglio romantici che rincretiniti. ad ognuno il suo. ciao

    RispondiElimina
  15. Bart, sei un signorone!
    Bro leggiti un pò questi link, xchè o ho sognato io o ti sei perso qualcosa tu del tuo idolo musicale http://www.google.it/searchhl=it&redir_esc=&client=ms-android-hms-vf-it&source=android-launcher-widget&v=133247963&qsubts=1411495742359&q=axl+rose+razzismo&v=133247963

    RispondiElimina
  16. Vabbè, vai su google e fai una ricerchina su axl razzista e sessista e fatti due risate, oppure non farla, fai un pò come vuoi e visto che sarà sicuramente un tuo amico salutami tanto Bart che ha capito tutto del mondo e lui non si è di sicuro rincretinito.

    RispondiElimina
  17. ti sbagli io non ho capito nulla, sono perso nella mia confusione. non sono come te che sei perfetto per questo mondo.hai sempre la giusta soluzione.assomigli tanto a bono....
    adesso però chiudiamola qua, perchè questo è uno spazio non nostro. tu ti tieni i tuoi meravigliosi upu, e io i miei dischi del cazzo. saluti

    RispondiElimina
  18. Ok, chiudiamola qui, dico solo che non sei confuso, solo un pò frustrato perchè ti sono rimasti tutti quei cazzo di vinili degli U2 e non sai a chi venderli. Se mi fai un buon prezzo diventiamo amici ;-) Buona serata, dai!

    RispondiElimina
  19. P.s. X l'amico Bart. Il sarcasmo è sacrosanto, spesso lo uso anch'io. La maleducazione un pò meno. A me non pare di averti dato del rincretinito come invece hai fatto tu, spiegami poi se ti ho offeso davvero in qualche modo o se hai problemi semplicemente con chi ha opinioni diverse dalle tue. E ancora auguri x i tuoi vinili, deve essere proprio un gran fardello essere circondato da cotante brutture.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma basta! Si parlava di rock, di musica e di punti di vista, che bisogno c'è di arrivare ad offendersi ad un livello personale?
      Bart ha espresso il suo giudizio in maniera colorita, ci sta, tu ti sei sentito toccato nel vivo e hai iniziato a sparare a zero su tutto ciò che non ti piace (e non è una novità); volendo esser buoni ci sta anche questo, però poi bisogna cercare di non trascendere: sempre di musica stiamo parlando!
      La cosa triste è che così facendo vi fate una pessima opinione l'uno dell'altro ed è davvero un peccato perchè siete entrambe delle belle persone: Adri, ti conosco di persona da anni e posso affermarlo senza tema di smentita, Bart non l'ho mai visto, ma scrive delle cose così belle che dubito sia il rozzo attaccabrighe maleducato e irrispettoso che penso tu credi possa essere. Qua non tutti abbiamo gli stessi gusti, ma siamo tutti abbastanza intelligenti da capire che più che un difetto è una fortuna, altrimenti i blog e lo scambio di opinioni non esisterebbero. Cerchiamo però di argomentare le nostre preferenze tenendo conto che non per foza incontreranno il favore di chi ci legge (e ovviamente mi ci metto in mezzo). Non è per fare del buonismo, non sono per il politically correct a tutti i costi, ma per il rispetto reciproco sì. Quindi cerchiamo di essere rispettosi dell'opinione altrui e se proprio non ci riusciamo teniamoci pronti a ricevere un meritato dito medio da uno o più commenti di risposta senza innescare una cavalleria rusticana che non fa bene a voi e non fa bene alla salute di questo blog.

      Elimina
    2. Sono TOTALMENTE d'accordo con Vik! E poi ci si può scannare per una cosa bella come la musica??? Ma dai!!! Adri, sai che ti stimo tantissimo, ma mi sembra che questa discussione si sia messa su toni decisamente troppo accesi. Anche io non conosco personalmente Bart ma leggendo il suo blog si percepisce quanto anche lui ami la buona musica. Nei suoi post sono citati un sacco di dischi che sono nella mia collezione come molto probabilmente anche nella tua. Con ogni probabilità se vi foste incontrati di persona la situazione sarebbe stata diversa, ma questi purtroppo sono i rischi che si corrono comunicando con le persone solo attraverso internet.
      Chiudo dicendo che queste discussioni non portano da nessuna parte ma solo, come faceva notare Vik, a farsi una pessima opinione di chi non la pensa esattamente come noi...

      Elimina
  20. grazie Vik e scusami ,non succederà mai piu' te lo garantisco. un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Ma sì, sono d'accordo anch'io, a scriversi bordate su un blog, tra persone che magari dal vivo potrebbero probabilmente stimarsi, non c'è nulla da guadagnarci. Quindi Peace and Love (and anything else ;-) ) e incidente(se mai davvero c'è stato) concluso!
    Un abbraccione a tutti i frequentatori di RN, nessuno escluso!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...