domenica 22 gennaio 2012

We Take Care Of Our Own

è ufficiale: il 17esimo album di Springsteen uscirà il 6 Marzo prossimo, questa la scaletta:


1. We Take Care of Our Own
2. Easy Money
3. Shackled and Drawn
4. Jack of All Trades
5. Death to My Hometown
6. This Depression
7. Wrecking Ball
8. You've Got It
9. Rocky Ground
10. Land of Hope and Dreams
11. We Are Alive


Ancora nulla si sa se e chi sarà a sostistuire Big Man.
Il primo singolo estratto è il pezzo che apre l'album: We Take Care Of Our Own, che sinceramente mi lascia piuttosto perplesso.
La canzone è molto orecchiabile, il pezzo ha un bel tiro, ma la voce del Boss non mi convince per niente e neanche questo arrangiamento ruffiano che strizza l'occhio ai fan e cerca di catturare l'attenzione con qualcosa di più del solo "già sentito". Il testo, poi, è lontano sistemi solari dalle reali capacità di Bruce e da ciò che nel corso di tanti anni ci ha abituato a sentire. Non voglio essere precipitoso, ma neanche sospendere il mio giudizio critico in favore del più grande rocker di tutti i tempi. Certo le cose che gli addetti ai lavori dicono contestualmente all'uscita di un disco son sempre le solite: "è un album stupendo, il più bello degli ultimi anni, l'artista non è mai stato così in forma e ispirato...". Purtroppo molto spesso la realtà che si cela dietro la retorica di queste parole è ben altra. Spero non sia questo il caso, ma veder in scaletta Wrecking Ball e ancora Land of Hope and Dreams e American Land un po' mi fa tremare le ginocchia. Passi la prima, un divertissement ad omaggio del Giant Stadium del New Jersey, che finora aveva trovato posto solo come singolo e questa è la sua prima uscita su un long playing ufficiale, ma le altre due è da mò che le conosciamo e che compaiono su album, raccolte e live, senza contare che proprio American Land sarà una dei due bonus della special edition, che ormai di special non ha proprio nulla, essendo questa una consuetudine anche piuttosto fastidiosa. Quello che voglio dire è che spero davvero che la fretta non sia stata nuovamente cattiva consigliera per il Boss e che non abbia tirato sù un album tanto per accontentare i fan, riscaldando la vecchia minestra in più di una circostanza. Le scelte commerciali del Bruce degli ultimi anni non sempre mi han convinto, anzi, direi quasi mai. Con questo non voglio togliere o rinnegare il valore dei gioielli che anche recentemente ci ha regalato, ma forse preferivo quello Springsteen coraggioso che dava via o metteva per 30-35 anni in un cassetto dei pezzi talvolta magnifici e fondamentali (Because the Night e The Promise, rispettivamente, come esempio per tutte), non perchè non li ritenesse validi, ma perchè poco adatti al contesto del disco che stava scrivendo. (si legga a questo proposito questi interessanti commenti).
Comunque, per adesso è ancora troppo presto per giudicare. Preparatevi all'uscita del disco e alla tournèe e  cominciate a farvi una vostra opinione del primo singolo:

6 commenti:

  1. Le tue riflessioni, caro amico, non sono del tutto sbagliate. E' il nostro amore ed il nostro delirio, per quest'uomo che ha fatto una e più generazioni, trascinandoci dentro ad un mondo fatto proprio di blood -brothers and sisters.Lo perdoniamo sempre, aspettiamo il miracolo,perchè ce ne ha donati tanti, poi sono ancora i concerti live che ci mettono tutti d'accordo. Aspettiamo , sentiremo , guarderemo, e nel caso lo perdoneremo ancora una volta , ringraziandolo per le ore passate con noi. Una magica serata!

    RispondiElimina
  2. Letto con gli occhi dell'obbiettività il tuo post è ineccepibile.Io, quando si tratta del boss, ho seri limiti: mento agli altri e soprattutto mento a me stesso.Il mio amore è dogmatico,ineffabile :)Ad ogni modo,son qui che attendo, trepidando come un bimbo la notte di Natale.:)

    RispondiElimina
  3. Dai che un bell'award l'hai vinto anche tu. A che punto siamo col nuovo post?

    RispondiElimina
  4. Ciao Viktor, pure io ho premiato il tuo blog :-)

    RispondiElimina
  5. Oh my, oh my!...Non ho ben capito di che award si tratti, ma vi ringrazio e vi abbraccio sulla fiducia.
    Il delirio sta per arrivare, praticamente ce l'avete già addosso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, forse ho capito.
      Mi son reso solo ora conto dell'esistenza della possibilità di rispondere ai commenti dei post senza mettere un altro commento. Bella idea!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...