mercoledì 17 agosto 2011

The world needs a hero

Tempi duri, my Friends.
Si vive in un mondo votato all'autodistruzione, in un paese che sta affondando buttando via le sue migliori risorse e lasciando tutto in mano a vecchi ammuffiti che vivono una surrealtà, fanno finta che le cose stiano andando per il meglio e si divertono a nostre spese con la tettona di turno.
Ad aggravare la situazione stagnante ci pensa una totale immobilità nel mondo del lavoro, dove, se ti va bene, vieni assunto in un qualche call center che è la vera piaga del nostro secolo. I servizi di assistenza telefonica sono doppiamente deleteri: i clienti atrofizzano rapidamente le loro capacità cognitive facendo affidamento su "assistenti personali" che gli devono ricordare dove hanno lasciato le loro ciabatte prima di coricarsi la sera precedente o che è cosa impossibile trovare una macelleria aperta per comprare della carne per la grigliata di Ferragosto alle 12.30 del 15/8!
Ugualmente, gli "assistenti personali" sviluppano un comportamento lesionista, indrottinati sin da subito all'undicesimo comandamento de "il cliente ha sempre ragione" e essendo costretti ad adottare un atteggiamento di riverenza e zerbinaggio che, più o meno a livello geometrico è situato sui 90 gradi, tanto caro al cliente impaziente che non perde occasione di inveire contro chi la macelleria non gliel'ha trovata, e ancor più cara ai vecchi impotenti di cui s'è detto sopra, felici di avere un popolo d'elettori smidollati sempre pronti a dire"grazie, anzi, la prossima volta spinga un po' più forte , che tanto non fa niente male! Ancora un insulto e le regaliamo un'auto da 100000 euro, è contento? Ci richiami pure quando vuole, riverisco, saluti alla Signora Tettona!".
Fantozzi è il più lucido studio sociologico degli ultimi 40 anni!
Come siamo arrivati a questo? Com'è possibile che due generazioni di laureati italiani siano finiti a rispondere alle assurde richieste di gente che non sa neanche come si scrive il nome del loro comune di residenza, sempre che riescano a capire la differenza tra "comune" e "regione"...
Perchè, dopo tutti i sacrifici, gli investimenti di denaro, tempo e volontà e dopo tutta la merda ingoiata nel sistema scolastico più fallimentare al mondo debbano ancora essere vessati da un lavoro che non può essere considerato "vero"? Perchè anche il loro "ingegno" non è stato premiato dandogli parte nel compito di ricostruzione di un paese in cui viene legittimato l'imprenditur rampante che decide di non pagare più le maggiorazioni festive ai propri lavoratori, sostenendo che ha applicato una sua "interpretazione" al contratto che ne regola le funzioni lavorative? Cosa c'è da interpretare a quello che è un sacrosanto diritto del lavoratore da che mondo è mondo? Come si fa a mettere in discussione le più basilari convenzioni lavorative a scapito di gente che tutti i giorni dovrebbe percepire uno stipendio e un indennizzo da assistente sociale? Perchè si devono far delle lotte per tener saldo ciò che è stato ottenuto decenni fa ed è da sempre garantito? Cosa cazzo c'è da interpretare, santoddio? Cos'è quest'atteggiamento di pseudo venerazione di un padre-padrone che se può ti fustiga tutti i santi giorni senza mai darti uno straccio di carota e che si riempie la bocca di belle parole delle quali non soppesa il significato, pur di strappare un applauso in più e poter aver la sua bella faccia stampata sui manifesti di mezza città...Ci hanno ingannato nel passato, ci han strappato il presente e ci negano il futuro. Il guaio è che a lungo andare le persone perdono il senso delle loro reali capacità e si adagiano. Smettono di lottare, di migliorarsi, di cercare di uscire da questa trappola per topi e si adagiano, si abituano, accettano, subiscono...e ringraziano.
Perchè non abbiamo fatto una rivoluzione già tempo fa? Perchè non ne siamo capaci, perchè ci hanno abituati ad avere tutto e subito, ci hanno illuso e quando se lo son ripreso, ci avevan già piegato e abituato a dire grazie. Ci han tolto le forze e sbarrato la strada, costretto ad applaudire a slogan artefatti e a votare gente che ha le spese mediche in cliniche private pagate, gli hotel e i ristoranti pagati, i trasporti pubblici pagati, treni, navi e aerei pagati, il cinema pagato, il cellulare pagato, l'auto con autista pagata, la tettona pagata...e indovinate un po' da chi?...GRAZIE E BUONA GIORNATA! Ah, prima di lasciarLa Le ricordo che ogni volta che ci chiama ha la possibilità di vincere una macchina da 100000 euro. Come dice?...No, veramente di Tettone non ne abbiamo; eh, lo so, è colpa nostra, ci scusi. Riverisco.
The World Needs A Hero.
Così recitava una canzone dei Megadeth nel loro album omonimo, il peggiore che abbiano mai fatto, ma ancora una volta Mustaine aveva ragione.
Durante questo periodo estivo, come letture, ho affiancato alle storie di fantascienza degli anni '30, che sono per me ormai una tradizione in questo momento dell'anno, diversi fumetti. A parte il buon Nathan Never, che leggo da tempo, mi sono avvicinato ad altre produzioni, tra cui Aliens della Dark Horse, Batman, Wolverine e The Punisher. In questo periodo di acido è nata in me l'esigenza di leggere delle gesta di un supereroe, anzi, di un anti-supereroe, uno di quelli che non salva le persone, ma le squarcia a suon di pugni, uno che non ti ammanetta per arrestarti, ma ti vuota un caricatore di un M16 in faccia se gli gira. Non ho mai tollerato le tutine sgargianti, i capelli impomatati, i colori della bandiera americana, le personalità tagliate con l'accetta e le battute d'effetto da bravo ragazzo; questo per inquadrare i supereroi che non mi piacciono.
è invece con immenso piacere che vedrei un Wolverine in azione nella mia città, magari di supporto alle scorribande notturne dell'Uomo Pipistrello ed ho in mente un paio di persone a cui augurerei di trovarsi un Alien nella doccia e qualche indirizzo da segnalare a Frank Castle.
Propositi per la seconda metà dell'anno: smettere di piacere a tutti ad ogni costo.
Viktor è tornato, gente, ed è parecchio contrariato...

4 commenti:

  1. Mio Dio Viktor! Ho letto d'un fiato e alla fine dalle labbra mi sono uscite solo queste parole: CAZZO SE HAI RAGIONE!!! E con tanta voglia di commentare il tuo post, ma non mi viene in mente nulla che tu non abbia già detto anche perhè non c'è null'altro da dire!! Ci sarebbe tanto da fare invece e mi viene ancora più rabbia dal momento in cui mi rendo conto che ormai appartengo a quella categoria di persone che hanno perso il senso delle loro reali capacità ( aggiungo anche per i continui rifiuti del tipo: "al momento non possiamo assumere, siamo al completo ma verrà ricontattata se mai avessimo bisogno di ulteriore personale"), che hanno finito per adagiarsi, che hanno smesso di lottare, di migliorarsi, di cercare di uscire da questa trappola per topi e si sono abituate alla gabbietta, l'hanno accettata, la subiscono e.. (grazie a Dio almeno questo)non ringraziano!!Però lasciami dire che secondo me covano anche tanta rabbia seppure ormai la mettono a tacere.. ma.. come si dice.. prima o poi l'esplosione avviene e non so quanto questa possa essere positiva!!
    Mari è tornata in gabbia lunedì ed è notevolmente contrariata.. Avanti un altro..

    RispondiElimina
  2. Io sono ancora a zonzo ma fammi capire, si è già deciso di non fare niente?

    RispondiElimina
  3. Non è che si sia deciso di non fare niente, grazie a Dio c'è gente che si prende ancora la briga di ostacolare queste manovre e anche in quest'occasione si stan dando da fare; il problema, il "vero" problema, è che nonostante giorno dopo giorno s'ingoi l'amaro boccone e si cerchi di lavorare correttamente assecondando richieste surreali (che giungono un po 'da tutti i livelli) ci dev'essere sempre comunque il profittatore di turno che specula sui diritti dei lavoratori trattandoli come delle "concessioni benefiche" o facendosi venire dubbi di interpretazione su questioni che sono sacrosante. In poche parole facciamo sempre la fine dei limoni, non c'è mai fine alla spremitura e per quanto mi riguarda questo è un modo di fare tutto italiano che mi ha scoperto più di qualche nervo. Siamo sempre qua a subire l'arroganza, la prepotenza, la presunzione e l'ingordigia di persone che si travestono da salvatori delle nuove generazioni, che non si fan scrupolo dei loro comportamenti e la cui posizione non è mai soggetta a "dubbi d'interpretazione" da parte nostra: i Visitors di Zio Robbo non se ne andranno mai di qui e nessuno riuscirà a ricacciarli indietro, anzi, ora cominciano a camminare tra noi con la loro vera faccia, senza più il pudore di nascondercela. C'è ancora qualcuno che ha dei dubbi in proposito?... Io sono stanco.

    RispondiElimina
  4. Viktor è tornato...evviva Viktor!

    io sogno una scena del genere:
    http://www.youtube.com/watch?v=_-gHVGOoE48&feature=related

    poi apro gli occhi, mi guardo in giro, ascolto chi mi sta intorno e capisco che posso solo sognare...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...