martedì 30 agosto 2011

Hey stoopid!

Gli italiani sono un popolo di stupidi.
No, no, non c'è proprio niente che possiate dire per farmi cambiare idea e mi dispiace se quest' affermazione offenda la vostra sensibilità, ma gli italiani sono proprio stupidi, la maggior parte di loro almeno. Stupidi, ignoranti, arroganti, presuntuosi e prepotenti. Va da sè che essendo io stesso italiano la critica non è solo rivolta all'esterno.
Ho purtroppo quotidianamente a che fare, per motivi di lavoro, con gente di ogni regione, età, sesso, livello cultuale e sociale e il risultato è più o meno sempre lo stesso: siamo stupidi, ignoranti, arroganti, presuntuosi e prepotenti.
Ne ho avuto riconferma, se mai ce ne fosse stato bisogno, domenica scorsa.
Scendo di casa per entrare in macchina e mi accorgo che per la seconda volta in un mese mi han rubato l'antenna dell'autoradio. Ora, non è per il danno economico limitato a pochi euro sputati, ma immaginatevi cosa voglia dire: in questo ultimo anno e mezzo la mia macchina è stata oggetto di ogni possibile atto vandalico, dal furto dell'antenna alla rottura dello specchietto da parcheggiata, dalla rigatura ripetuta della fiancata allo sfascio del parabrezza. è chiaro che abito vicino a qualche sociopatico a cui non sto particolarmente simpatico. Certo, una denuncia fatta ai carabinieri e un certo discorsetto fatto nella giusta maniera ad un paio di persone hanno cambiato un po' le cose, ma non il fatto che gli italiani siano stupidi. Se hai un problema con me, sai dove abito; ma se ti becco a girare intorno alla mia auto la prossima cosa che vedrai sarà la tua testa di cazzo sfracellarsi sul mio cofano, e questo perchè sono un italiano ignorante anch'io e per giunta incazzato!
Col fegato grosso quanto la faccia dello sfortunato che mi capiterà  a tiro ho guidato fino allo Zoom di Cumiana, un bellissimo parco biologico che vi consiglio vivamente se volete passarvi una bella giornata nel verde, a guardare animali, prendere il sole e farvi un bel bagno in piscina. Ottima occasione per vedere degli splendidi animali non in gabbia (non è uno zoo), non adomesticati (non è un circo) e non sedati (non è un safari), ma liberi in ricostruzioni dei loro habitat naturali. Questi parchi son costruiti a norma di animale e non di visitatore, al contrario dei vecchi zoo; questo significa che l'animale è messo a suo agio in un ambiente per lui confortevole, è seguito, accudito, e nutrito da esperti biologi e soprattutto NON sono proprietà del parco. Cosa significa? Che gli animali non vengono comprati, come succedeva una volta e soprattutto non vengono presi dalla natura e portati nel parco, ma sono tutti figli di animali nati in cattività. Quando non c'è più spazio fisico per le nuove cucciolate, queste vengono spostate in altri parchi: è così che altri luoghi simili allo Zoom prendono "in prestito" nuovi animali, evitando di pagarli, quindi di sceglierli, e evitando così anche il giro di chi con gli animali ci lucra, bracconieri e cacciatori su tutti. Oltre a garantire loro un luogo confertevole in cui vivere e ai visitatori di ammirarli, qui gli animali son protetti dal rischio estinzione, il più delle volte risultato della scelleratezza e stupidità umane.
A proposito di stupidità: molteplici sono stati gli esempi notati nel corso della giornata: dai folli comportamenti tenuti sull'autostrada al parcheggio del parco, dove si poteva notare come alcune persone avessero un oggettiva difficoltà a capire che la macchina va posteggiata NEGLI appositi spazi e non TRA gli stessi!...
Sempre gli italiani hanno anche difficoltà a comprendere il concetto di "fila ordinata" e proprio non son capaci a non urlare come fossero al mercato ittico ogni santo giorno della loro vita.
Ma la vera difficoltà dell'italiano medio sta nel cercare di capire semplici nozioni che gli vengono spiegate sotto forma di misteriosi caratteri neri su sfondo bianco: l'italiano medio non sa leggere!
Cartelli disseminati sulle recinzioni e lungo il percorso del parco venivano beatamente ignorati dai visitatori.
Secondo voi, tra le indicazioni di "non spaventare gli animali battendo sui vetri o tirando oggetti",  "dare da mangiare agli animali può essere pericoloso (per te e per loro)" e " non cercare di toccare gli animali o di entrare nel loro territorio", quante ne sono state rispettate?...
Il comportamento più diffuso dell'italiano stupido era: "dai da mangiare al cammello, a mamma, che ti faccio una foto" o "a papà, guarda la mamma che ti fa la foto mentre tenti di cavalcare il pavone". E quanti genitori che sorridono divertiti mentre i loro diabolici pargoli tirano pietre agli animali!...Per loro sarebbe stata molto istruttiva una visita "guidata" nell'habitat della tigre: chissà se avrebbero cercato anche con lei di accarezzarla come fosse il loro gattino o di tirarle dietro delle pietre...
Meno male che adiacente alla vasca dei pinguini e separata da questa solo da un vetro (!) c'era una piscina (senza scivoli, eh!) di acqua gelata, riproduzione di una spiaggia con tanto di cascata al centro, nella quale ho potuto affogare se non altro la mia amarezza...

Continuo il mio tentativo di creare un "network di contenuti" riallacciandomi ad uno degli ultimi post del caro Firma, sperando che a lui piaccia questo tentativo di allargare le letture dei reciproci aficionados!
Ps: Max, facci sapere se gli inglesi sono stupidi come gli italiani.
Un abbraccio a tutti voi che pazientemente sopportate la mia di stupidità, post dopo post. Luv y'all!

3 commenti:

  1. Quanta verità in questo post, signora mia... :)

    RispondiElimina
  2. Ma sai che non ci dici nulla di nuovo? Da buon italiano, ti sembrerà strano, ma non mi sento affatto offeso.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...