venerdì 15 aprile 2011

Rust In Peace - Live


Prendete quella che forse è la più grande band metal ancora in attività e quello che sicuramente è il più grande disco trash mai inciso, metteteli insieme in un live ripreso in HD e avrete Megadeth - Rust In Peace - Live.
Questo live è imperdibile per tutti gli appassionati del gruppo di Mustaine per svariati motivi; i più importanti sono forse la possibilità di vedere e ascoltare pezzi mai o poco eseguiti dal vivo, il ritorno di Junior al basso, poter assaporare un capolavoro del metal eseguito da una band che, nonostante l'età è ancora a livelli altissimi da un punto di vista tecnico-musicale ( e ci metto dentro anche Mustaine, che per una volta dà bella prova anche delle sue capacità canore non sempre all'altezza in ambito live, soprattutto negli ultimi anni, ma provate voi a suonare e cantare contemporaneamente pezzi come Take No Prisoners!...).
Il Blu-ray rende finalmente giustizia allo spettacolo proposto da un gran gruppo sempre castrato dalla qualità visiva delle prcedenti produzioni; in alcuni primi piani sul basso si vedono le zigrinature delle corde e si riesce chiaramente a capire che son delle D'Addario!...
Davvero uno spettacolo per gli occhi, oltre che per le orecchie, però...brrrr a vedere questo video vengono un po' i brividi; non solo per la bravura esecutiva dei quattro, ma per la loro freddezza nei confronti di un pubblico comunque estasiato. Non so se si tratti esclusivamente di un problema di montaggio o se le cose siano andate realmente così, ma si ha davvero la sensazione di una fantastica, perfetta, freddissima esecuzione di un album nella sua interezza, nulla di più, quasi come se il pubblico non ci fosse. Niente pause, niente ringraziamenti, se non alla fine, solo un pezzo dietro l'altro, come una bomba atomica che ti esploda tra i denti, potente e devastante, ma con un feeling glaciale e dato che non stanno suonando The Wall, questa scelta potrebbe lasciar perplesse persone che, come me, amano vedere un minimo di interazione tra musicisti e pubblico, si tratti anche solo di sputi e pugni, come avveniva ai tempi d'oro dei Megadeth!...
Causa di questa freddezza va ricercata sicuramente anche nella totale mancanza di presenza scenica e talvolta di coesione con Dave e David, dei due elementi non-storici del gruppo: Chris Broderick (chitarra) e Shawn Drover (batteria), tecnicamente due bestie, ma sostanzialmente espressivi come cyborg.
Altra cosa che mi è piaciuta poco sono gli extra del Br: in questa sezione sono stati inseriti tutti i pezzi suonati durante la serata, ma che non fanno parte di Rust In Peace: un fastidiosissimo modo di tranciare in due un concerto tanto per offrirti degli extra che possano spingere a comprare il Br, per aver "qualcosa in più", quando in realtà basterebbe l'esecuzione del solo RIP a giustificarne l'acquisto. Odio queste trovate, già presenti in Rude Awakening; che cavolo di senso ha prendere dei pezzi dal medesimo concerto e spacciarteli come bonus col solo risultato di decontestualizzarli da una scaletta ben precisa e spezzare il continuum del live?!...
Comunque, i pezzi bonus sono molto belli, peccato per Trust che poco ci azzecca col resto della setlist nella quale era forse meglio inserire una Hook In Mouth. 
Altro inutilissimo extra è il behind-the-scenes: una ventina di minuti in cui fans scalmanati dimostrano il loro amore per i Megadeth e Mustaine parla in una lingua aliena impossibile da comprendere ai più anche per la mancanza di sottotitoli.
Non fatevi comunque condizionare da queste ultime considerazioni: io vi descrivo tutto, nel bene e nel male, ma questo Megadeth - Rust In Peace - Live è veramente una figata, non perdetevelo!
Vi metto un piccolo assaggio e come diceva il mio fratellino Vic: "Rattle your godddamn head!!!"

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...