sabato 13 novembre 2010

Un punto a Sara che è stata la più veloce. Ricapitolando: Sara e Firma, avete 2 punti a testa, ancora uno e vincete. Nel frattempo Sara, che aveva vinto lo special che vale 3 punti, mi ha avanzato in privato la sua richiesta. Non si tratta di una dedica, ma di un argomento per un post che sarò molto, molto, molto felice di scrivere, però servirà un pò di tempo per documentarmi....
Spero che questo trittico vi sia piaciuto. Ho deciso di prendere brani che trattano la figura del Maligno da prospettive diverse e che sono cantati da quella che io definisco la Santissima Trinità Cantautorale:
Bruce Springsteen: Padre (The Boss)
Nick Cave: Figlio (The Good Son)
Tom Waits: Spirito (alcolico) Santo
Da quando ho incominciato da bambino ad interessarmi di musica, ho sempre dato una grandissima importanza ai testi, alla poetica di un cantante, alla sua visione delle cose, alla capacità compositiva, a come decideva di strutturare un brano e come lo interpretava vocalmente. Quanti libri letti e quante ore passate a tradurre ogni singolo pezzo e a ricercarne "il senso" contestualizzandolo all'interno dell'opera comleta del cantante in questione. Da qui l'importanza del booklet e del tenere in mano un cd fisicamente, piuttosto che scaricare singoli file privi di un compendio imprescindibile, che è quello delle immagini e delle parole stampate su carta, ma su questo si può aprire una discussione a parte...
Springsteen, Cave e Waits hanno pesantemente influenzato il mio modo d'essere e la mia percezione del reale e del poetico; sono quanto di più bello abbia ad oggi scoperto a livello di stesura di testi per musica "popolare" (su quest'ultimo concetto vi consiglio vivamente il libro di Colombati dedicato all'analisi dell'opera di Springsteen, partendo da una semplice domanda: "Canzoni o Poesie? - Perchè l'opera di un cantante popolare come Springsteen, che ha delineato la visione di un intero continente agli occhi di tre generazioni non può essere canonizzata in un'antologia come la Norton? Una sua canzone, ha forse meno valore di una poesia di Whitman?"), ma anche questo può essere tema di una discussione più ampia.
Spero molto che i testi di questi tre pezzi abbiano suscitato in voi una qualche emozione e sarei contento se se ne parlasse. Soprattutto per Youngstown di Springsteen, fatevi un favore: leggetevelo tutto! è una storia vera ed è a mio parere uno dei testi più belli e forti che abbia mai scritto!...

1 commento:

  1. Bell'articolo, bei gusti , belle scelte... Troppo facile commentare quando si pensa ( spero non in tutto caro Viktor)allo stesso modo su molte cose e si hanno gusti molto simili. Youngstone , è una tragedia trattata talmente delicatamente , che ti resta un sapore in bocca di terra volatizzata, di polvere che copre tutto, di città fantasma. Un dramma che molto spesso viene sottovalutato e non inserito moltisiimo nei concerti di Bruce. Tom e Nick , sono come zio e nipote. Hai mai sentito il loro duetto in "Over the rainbow"? Sublime quanto sorprendente , perchè sicuramente non potrai facilmente riconoscere il nostro" Rain Dog". Buona domenica perfetto Rocker...Con simpatia , Nella

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...