giovedì 4 novembre 2010

Human Touch (GtS special)

Quante volte vi è capitato di avere la sensazione che una canzone parlasse di voi?
A me succede sempre, ogni volta che ascolto Springsteen.
è per questo che lo ascolto sempre, ancora, ancora e ancora, consumando i suoi dischi, analizzando i suoi testi, mai stanco di riascoltare quelle storie di gente così lontana, eppure così vicina.
Bruce è la mia medicina preferita: qualsiasi cosa accada, bella o brutta, lui ci è già passato prima di te ed è lì a raccontarti, così come solo lui sa fare, ciò che stai vivendo, ciò che vorresti urlare in faccia al mondo e vorresti che il mondo sapesse di te...chi è un suo fan sa di cosa sto parlando.
...e quante volte mi sono detto: "cavolo, in questo esatto momento mi sembra di essere in una canzone di Springsteen!..." è capitato talmente tante volte che mi sembra di averlo sempre a fianco, pronto a sottolineare ogni mio momento di felicità, tristezza, commozione, rabbia, disillusione, sempre presente con la sua musica per darmi forza e coraggio per affrontare anche quelle giornate  in cui maledici la tua nascita...

Volevo raccontarvi una storia, proprio su di una di quelle giornate. Dopo aver pensato a cosa scrivere mi sono detto: "cavolo, mi sembra di essere in una canzone di Springsteen!..." Così ho deciso di raccontarvi una breve storia di una serata storta, che ho realmente vissuto, è andato quasi tutto come descritto, prendendo a prestito alcune sue frasi, tratte un po' qua e un po' là dal suo repertorio e visto che il giochino Guess the Song ha riscosso un discreto successo, considerate questo post come uno "special" del gioco stesso: 3 punti netti a chi riesce ad elencare il maggior numero di brani di Bruce che si celano tra le righe di questa storia. Fan del Boss, fatevi sotto!

Human Touch

Solo.
Luci spente stanotte.
La camera è illuminata esclusivamente dalla luce irregolare proveniente del televisore: 57 canali del cazzo e niente da vedere!
Ho uno scontro frontale che va a sfracellarsi nelle mie budella, un treno merci in corsa nel centro della testa, una bomba a orologeria che mi ticchetta nel profondo.
C'è qualcuno vivo là fuori?
La testa mi pulsa fortemente, il petto mi sta per esplodere. Mi alzo e mi guardo allo specchio: voglio cambiare i miei vestiti, i miei capelli, la mia faccia.
La mia stanza è vuota; in un angolo la mia 6-corde. Ho preso questa chitarra e ho imparato a farla parlare, ma è ormai muta da mesi e sta lì a prendere polvere.
Voglio uscire stanotte, voglio scoprire ciò che ho.
Voglio trovare un viso che non mi guardi con indifferenza, voglio trovare un posto, voglio sputare in faccia a questi postacci.
La mia auto è là fuori, ferma, pronta a portarmi in un viaggio verso il buio ai margini della città.
Il silenzio è rotto solo dai cani che abbaiano nella via principale.
C'è qualcuno vivo là fuori?
Spengo le luci, chiudo a chiave casa e mi addentro nella notte, prigioniero dei miei sogni.
Vago fino all'autostrada e quando ci arrivo, non trovo altro che la strada.
C'è qualcuno veramente vivo là fuori?
Ho solo bisogno di un po' di quel contatto umano.
Maledetto il mondo, che ti riempie di promesse che poi non mantiene.
Un sogno è una bugia se non si avvera o è qualcosa di peggio, che mi spinge qua giù?
Son rimasto un po' di tempo a contemplare la strada deserta, poi ho riacceso l'auto e son tornato indietro.
Due giorni dopo ho incontrato una ragazza, ai tempi della scuola faceva girare la testa a tutti i ragazzi.
Le ho detto: " Non sono in cerca di approvazione o pietà, voglio solo qualcuno con cui parlare e un po' di quel contatto umano. In un mondo senza pietà, pensi che quello che sto chiedendo sia troppo?
Tutti hanno un cuore affamato, ti andrebbe di condividere un po' di quel contatto umano?"
Sui sedili anteriori della sua macchina, un semplice abbraccio mi ha fatto stare meglio.

Questa è Radio Nowhere, c'è qualcuno vivo là fuori?
This one's for all the lonely hungry hearts out there tonight!



Difficile trovare una versione video decente di questo pezzo. Questa è quella che si vede/sente meglio tra quelle in cui il Boss è con la sua E Street Band (live recente), ed è impagabile vedere Bruce e Patti
(moglie e marito, per chi non lo sapesse!) duettare in maniera così intima sul finale di questa canzone da molti sottovalutata.

1 commento:

  1. prima di tutto...il pezzo è davvero splendido!!! Adoro sempre di più il tuo stile Viktor.. :)

    secondo di tutto..bellissimo anche l'ideona per il GTS!!! sei il re degli intrattenitori bloggeriani!! ;P
    quindi...provo a postare la mia risposta:
    "Badlands"/ "I'm on Fire" / "My Love Will Not Let You Down" / "Radio Nowhere" / "Dancing in the Dark" / "Thunder Road" / "Cautious Man" / "Human Touch" (beh, naturalmente, estiqatzi.. :P) / "Night" / "The River" / "Glory Days"

    terzo di tutto: la storia è talmente tanto bella che, secondo me, potrebbe diventare benissimo una canzone a sè stante fatta di pezzi di canzoni del Boss.. :P

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...